logonuovotondo

facebook
instagram

Elena Raschi - Maternity Nurse

2605yellow
sfondoscritteteddysmall

Chi è una Maternity Nurse?

La Maternity Nurse è una figura professionale inglese con mansioni equiparabili a quelle della puericultrice italiana nell’ambito dell’assistenza privata alla cura del neonato.
A differenza delle puericultrici italiane, che sostengono un corso di formazione più lungo, volto a dare una preparazione  che le renda impiegabili in ambito ospedaliero e negli asili nido, e coprendo quindi la loro preparazione riguardo una fascia di età infantile molto ampia, e da un punto di vista anche medico, le maternity nurses hanno una preparazione più breve, esente da training in strutture mediche, e volta principalmente al lavoro presso famiglie private per la cura dei neonati nati senza patologie, dal momento del ritorno a casa fino al terzo mese di età circa del bambino.

La formazione delle Maternity Nurses avviene presso agenzie riconosciute e qualificate, e si svolge tramite corsi intensivi tenuti da personale altamente qualificato normalmente impiegato

nel ramo lavorativo dell'assistenza sanitaria. I corsi affrontano tutte gli argomenti inerenti alla cura e alle eventuali difficoltà della cura neonatale.

Dopo la frequentazione del corso le Maternity Nurses sono sottoposte ad un periodo di studio intensivo, e devono passare un esame scritto che viene sottoposto alla verifica del personale dell'agenzia e degli enti esterni che rilasciano le qualifiche di Childcare.

 

Una maternity nurse viene normalmente contattata e assunta prima del parto, e si occupa di aiutare i futuri genitori in una serie di aspetti riguardo la cura generale e specifica del loro neonato, quali:

 

-Preparazione della nursery, consigli sul necessario e organizzazione dello spazio.
-Supporto alla mamma sull’alimentazione del neonato, sia questo allattamento artificiale, al seno, o misto.
-Igiene del bambino.
-Cura della nursery.
-Supporto nell’organizzazione della nuova routine famigliare.
-Supporto ai genitori nel prendere confidenza nella gestione e cura del loro neonato.
-Sleep training.

 

Quello che la Maternity Nurse non fa.

 

La maternity nurse non è una figura medica, e di conseguenza non può fare diagnosi, ne somministrare medicinali di sua iniziativa. Qualora notasse qualcosa da sottoporre ad attenzione medica, è suo dovere informare i genitori e far si che il bambino sia visitato da un pediatra. E’ normalmente disposta, qualora le sue capacità siano adeguate, a somministrare medicinali sotto la direzione del pediatra e dei genitori del bambino.

 

Il mio approccio.


Essendo la maternity nurse una figura professionale che si inserisce  nel contesto privato di una famiglia nel momento delicato ed emozionante quale può essere l’arrivo di un nuovo figlio, il primo passo che reputo fondamentale per il buon esito di ogni rapporto di lavoro  è un colloquio conoscitivo, in cui poter discutere di ciò che ci si aspetta tra le due parti, come impostare l’arrivo e la cura del bambino, avere un idea della routine familiare, e poter verificare che ci sia una buona compatibilità tra le parti.


E' mia opinione che la buona riuscita di un rapporto di lavoro tra la maternity nurse e i genitori sia un efficace comunicazione, rispetto e sinergia. E' importante stabilire un rapporto di comunicazione che rispetti i vincoli professionali, ma garantisca ad entrambe le parti la sicurezza di poter comunicare in modo sincero e rispettoso.  E' importante da parte nostra capire le insicurezze, i bisogni pratici ed emotivi di una nuova mamma in un momento così delicato, e il profondo rapporto tra una mamma e il suo bambino, tanto quanto è necessario che le mamme sappiano che le maternity nurse sono professioniste specializzate con un ampio bagaglio conoscitivo, e che da parte nostra, ogni osservazione o consiglio è dato con le migliori intenzioni.  Il dialogo e la compatibilità tra le due parti è fondamentale.
 

L'orario di lavoro della maternity nurse è variabile e viene concordato con la famiglia, ma le opzioni principali sono:
- Orario notturno: la maternity nurse si occupa della cura del neonato durante le ore notturne, per permettere ai genitori di riposare. Solitamente l'orario di lavoro è dalle 21.30 alle 6.30, ma può essere concordato tra le due parti.
- Orario diurno e notturno, 24h/6: la maternity nurse lavora a tempo pieno giorno e notte tra i 5 e i 6 giorni la settimana ad esclusione di alcune ore giornaliere per permetterle del riposo.

 

In caso di assunzione 24h o in orario nortturno prolungato deve esserle messo a disposizione un letto confortevole nella nursery del bambino, l'uso di un bagno e della cucina affinchè possa provvedere alle necessità proprie e del neonato.

Web agency - Creazione siti web Catania